La procedura - mediazione forense novara

Mediazione Forense Novara
Vai ai contenuti
Il  procedimento di mediazione è ispirato a semplicità e celerità, non sono  previsti particolari formalismi e non vi sono regole di procedura  codificate. Le parti sono le vere protagoniste del procedimento, in  quanto il Mediatore non è un Giudice e nemmeno un Arbitro, ma, più  semplicemente, un professionista che mette a disposizione la sua  preparazione e la sua esperienza per facilitare il dialogo che può  sfociare in un accodo conciliativo. Il Mediatore, quindi, non può  decidere la controversia e non può imporre nulla alle parti, deve  limitarsi ad aiutare queste ultime a trovare una soluzione condivisa e  sostenibile alla questione portata in mediazione. In sede di primo  incontro, il Mediatore deve, innanzitutto, presentarsi ed illustrare  alle parti cos'è la Mediazione e come si svolge, per poi verificare  preliminarmente la volontà delle parti di procedere col tentativo di  mediazione; se tale verifica ha esito positivo, si può poi entrare nel  merito della controversia, diversamente si redige verbale dando atto che  le parti non intendono procedere oltre. Nelle materie in cui la  mediazione è obbligatoria, ciò è sufficiente per considerare soddisfatta  la condizione di procedibilità e, quindi, per poter eventualmente agire  in giudizio. Nel caso si proceda con la mediazione, il Mediatore  invita le parti ad illustrare la materia del contendere, ognuna dal  proprio punto di vista, al fine di comprendere esattamente i termini  della controversia. Dopo questa fase introduttiva, si entra nel  merito della questione ed il Mediatore conduce la discussione, che deve  ispirarsi a rispetto reciproco e pacatezza. Quando lo ritiene utile,  il Mediatore può anche sentire le parti separatamente, dando modo a  ciascuna di esse di comunicargli informazioni che non si vuole portare a  conoscenza dell'altra, e che rimarranno quindi riservate (salvo,  ovviamente, quanto una parte autorizza espressamente a riportare  all'altra). Al termine di questi incontri separati, si torna in  seduta congiunta ed il Mediatore tenta di facilitare l'intesa tra le  parti, mantenendo sempre l'imparzialità. Se le parti raggiungono un  accordo, viene messo per iscritto ed allegato ad un verbale di  conciliazione; in caso contrario, il Mediatore redige un verbale di  mancata conciliazione, nel quale non si riporta nulla di quanto detto e  fatto durante il tentativo di Mediazione. In caso di mancato  accordo, e solo se tutte le parti ne fanno espressa richiesta, il  Mediatore può, se ritiene di averne gli elementi, formulare una sua  proposta, che deve essere comunicata per iscritto alle parti, che hanno  poi sette giorni per accettarla. La mancata risposta nel termine equivale a rifiuto della proposta. La proposta del Mediatore comporta, tuttavia, dei rischi dal punto di vista delle spese. Prima  della formulazione della proposta, il mediatore deve informare le parti  che, quando il provvedimento che definisce il giudizio corrisponde   interamente al contenuto della proposta non accettata, il Giudice deve  escludere la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice  che ha rifiutato la proposta, riferibili  al  periodo  successivo  alla  formulazione della stessa, e la condanna al rimborso delle spese  sostenute dalla parte soccombente relative allo stesso periodo, nonché  al versamento all'entrata del bilancio dello Stato di un'ulteriore somma  di importo corrispondente al contributo unificato dovuto. Quando il  provvedimento che definisce il giudizio non corrisponde interamente al  contenuto della proposta non accettata, il Giudice, se ricorrono gravi  ed eccezionali ragioni, può escludere la ripetizione delle spese  sostenute dalla parte vincitrice per l'indennità corrisposta al  mediatore e per il compenso  dovuto  all'esperto  di  cui eventualmente  si sia avvalso nel procedimento di mediazione.
Il Giudice deve, in questo secondo caso, indicare, nella motivazione della sentenza, le ragioni della sua decisione.
Via Azario 15 - Novara - Tel. 331 9972213 (15.00 - 18.00)
Torna ai contenuti